Danea Easyfatt

Aggiornamento Danea EasyFatt 2019.41

Nuovo aggiornamento per i clienti che utilizzano il software gestionale Danea EasyFatt sempre più orientato all’introduzione della fattura elettronica.
Come sempre anche in questo aggiornamento nuove interessanti funzioni aggiunte al già ricco parco. Danea EasyFatt si rileva sempre numero uno tra i gestionali senza svuotare il portafoglio.

Di seguito l’elenco delle novità ed eventuali problemi risolti con la nuova versione:

  • Fatturazione elettronica:
    • Integrato il servizio Agyo di preparazione file Xml, firma, invio e conservazione. Il nuovo servizio Agyo sostituisce il precedente servizio opzionale FattPA.
    • Rivista la disposizione dei campi nelle schede dei Clienti per dare maggiore visibilità a quelli relativi alla fatturazione elettronica e al codice fiscale/partita Iva.
    • Per i clienti, la Pec di ricezione della fattura elettronica è distinta dalla Pec aziendale e va specificata nel campo “Recapito” (campo che contiene quindi il codice destinatario oppure la Pec).
    • Aggiunta l’opzione per allegare il Pdf del documento nel contenuto dell’Xml.
    • Migliorato il visualizzatore di fatture Xml offrendo una rappresentazione simile alle fatture tradizionali. Ora questa funzione consente di visualizzare anche allegati, ricevute di consegna, di scarto o di impossibilità di recapito.
    • Lo scaricamento di fatture elettroniche di acquisto non è ancora attivo (è in fase di test, verrà attivato con il prossimo aggiornamento, previsto a breve) ma è già possibile chiedere ai fornitori di farsi spedire le fatture del 2019 al proprio codice destinatario: M5UXCR1.
    • In Fornitori > Comunicazioni è disponibile un modello per comunicare il proprio codice destinatario. Analogo modello è presente nei Clienti, per chiedere il loro codice destinatario/PEC.
    • Aggiunta la possibilità di indicare il DDT a seguito del quale viene emessa una fattura (Documento > linguetta Fattura Elettronica > Emessa in seguito a …).
    • Importazione e-commerce, previsto il nuovo campo <CustomerEInvoiceDestCode> per l’importazione in anagrafica clienti del codice destinatario o della Pec (è necessario che gli shop on-line aggiornino le maschere dell’ordine richiedendo anche questo dato ai clienti per poi passarlo al flusso ordini importato in Easyfatt).
    • Informazioni dettagliate nel capitolo Fattura Elettronica della guida in linea.
  • Nuova modalità di registrazione degli acquisti in reverse charge:
    • Usando un’apposita numerazione (/RC) non serve più registrare la relativa autofattura (dal 2019 in Easyfatt sarà obbligatorio registrare gli acquisti in reverse-charge con questa numerazione).
    • Dalla registrazione stessa è possibile stampare l’autofattura come da obblighi normativi per gli acquisti extra-UE.
    • Informazioni dettagliate nel capitolo Reverse Charge della guida in linea.
  • Importazione allegati da smartphone/e-mail tramite il servizio Danea Transfer:
    • Tramite l’app Danea Transfer (iOS e Android), puoi scattare foto di documenti con lo smartphone e caricarle negli allegati di Easyfatt.
    • E’ anche possibile caricare facilmente negli allegati documenti inviati tramite posta elettronica.
    • Informazioni dettagliate nel capitolo Caricare allegati dallo smartphone o via email della guida in linea.
  • Stampa scontrino di cortesia:
    • Stampa uno scontrino non fiscale, senza prezzi, da consegnare in aggiunta allo scontrino fiscale; normalmente viene usato in caso di regali per poter consentire il reso o il cambio.
    • Al momento questa funzione è disponibile per i più diffusi modelli di registratori di cassa.
    • Attivabile tramite apposita opzione in fase di chiusura vendita al banco, o tramite il menù “Freccia giù” nella vendita Touch
  • Solleciti via Whatsapp: implementato l’invio di solleciti da Pagamenti > Invio solleciti (nota: da alcuni giorni si rilevano malfunzionamenti nell’applicazione desktop di WhatsApp, purtroppo indipendenti da Easyfatt, che impediscono ad applicazioni terze di trasmettere comandi per l’invio di messaggi).
  • A seguito di chiarimenti dell’AdE il codice IVA “NS7” è stato rinominato in “NS7ue” e va usato solo per prestazioni di servizi verso soggetti intra-UE; il nuovo codice “NS7xe” va invece usato per prestazoini di servizi verso soggetti extra-UE. Per omogeneità sono stati rinominati anche i codici “22inUe” e “22exUe” rispettivamente in “22ue” e “22xe”.
  • Corretti problemi minori.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: